Fermare i pensieri in corsa, quando attraversano il nostro cervello; fissarli perché non si confondano nel caos di immagini quotidianamente registrate e di sensazioni assorbite mentre parliamo, osserviamo, percepiamo odori, ascoltiamo, mentre, cioè, i nostri sensi lavorano e noi inconsciamente li assecondiamo. Ecco, è questo ciò che faccio io portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

giovedì 1 giugno 2017

#stoleggendo Teresa Ciabatti: conclusioni



Terzo e ultimo appuntamento con la  lettura condivisa. Tiriamo le somme sempre nel blog ilibridisandra.

Se vi siete persi le precedenti discussioni:
#T. Ciabatti: impatto
#T. Ciabatti: una lettura fluida e coinvolgente

Alle mie due compagne di lettura, Sandra e Iara, dico grazie per la bella esperienza. 


10 commenti:

  1. Grazie a te, dopo l'estate possiamo fare un altro giro.
    Sandra

    RispondiElimina
  2. Passo solo per un saluto, ma non leggo per non farmi influenzare visto che lo leggerò. Buona festa della repubblica cara Marina!

    RispondiElimina
  3. Bene, così potrai unirti alle nostre impressioni quando lo avrai letto anche tu.
    Buon 2 giugno anche a te, Giulia! :)

    RispondiElimina
  4. Grazie a te e a Sandra. Siete state compagne di avventura fantastiche! (Ma io su questo non ho mai avuto dubbi.)

    RispondiElimina
  5. Ciao Marina. Qui passo solo per un saluto. Vado a leggere ciò che mi sono perso nei precedenti post!

    RispondiElimina
  6. Avete costituito un gruppo di lettura virtuale. Bellissimo esperimento, da ripetere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SIcuramente. A me è piaciuto molto. 😊

      Elimina