Fermo i pensieri in corsa, quando attraversano il mio cervello; li fisso perché non si confondano nel caos di immagini che quotidianamente registro e di sensazioni che assorbo mentre parlo, osservo, percepisco odori, ascolto, mentre, cioè, i miei sensi lavorano e io li assecondo inconsciamente. È questo ciò che faccio portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

Mi chiamo Marina Guarneri...

... BENVENUTI nel mio blog!



Scrivere è un'abitudine, spesso un'esigenza, lo è stato in passato quando ho scoperto il gusto dello "sfogo" esercitato con carta e penna e lo è ancora adesso, pur nella confusione delle giornate da gestire dietro ai mille impegni di moglie e di madre. 

Ho sfidato la mia spontanea attitudine a coltivare la fantasia iscrivendomi in una Facoltà che di fatto l'ha messa a tacere: mi sono laureata in Giurisprudenza e per un po' ho continuato a masticare norme e leggi che hanno sempre costretto la mia mente a viaggiare dentro schemi preformati e immutabili.
Tuttavia la libertà di immaginazione è come un vulcano che, pur inattivo, ferve nel cuore della terra; così la mia vera indole è esplosa inarrestabile e adesso sa solo obbedire alla legge dell'inventiva e dell'estro creativo. Ho anche un laboratorio artigianale che contribuisce a soddisfare queste inclinazioni, si chiama "Ali di Carta", lo gestisco insieme a un'amica, unitamente al sito che lo rappresenta e al profilo su Facebook, ma soprattutto scrivo con un entusiasmo ritrovato, che il tempo non ha mai spento e che le idee in costante fermento continuano ad alimentare.

Questo è il senso che ho dato al mio blog: voglio appuntare sul web pensieri, impressioni, tutto quello cui attribuisco un valore o un significato, gustandomi il piacere della condivisione. Naturalmente l'ambito in cui mi soffermerò sarà prevalentemente quello a me più congeniale e nel quale trovo maggiore gratificazione. 

Spero di risultare convincente e di accogliervi nel mio piccolo "salotto letterario" come una vera padrona di casa.




7 commenti:

  1. Gentilissima Marina,
    mi chiamo Lorena e mi sono da poco imbattuta "casualmente" nel tuo blog, cercando da anni come una forsennata un vecchio libro di fiabe, che credo proprio essere quello che rappresenti con una foto nel forum sulle fiabe di alcuni mesi fa...
    http://trentunodicembre.blogspot.it/2015/09/cera-una-volta-gli-adulti-e-le-fiabe.html
    scusa la sfacciataggine e i pochi giri di parole, ma per me aver trovato un indizio che mi riporta a momenti indimenticabili con la mia mamma mi obbliga a chiederti più informazioni circa quel libro per poterlo cercare meglio e riportare a casa, prezioso diamante tra i miei ricordi di lei... per favore, aiutami!! grazie infinite!!

    RispondiElimina
  2. pardon... ho dimenticato di lasciarti modo di contattarmi: lory_bina@libero.it Grazie!!!! Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorena, stavo leggendo giusto adesso il tuo messaggio.
      Quella è una foto che ho fatto al mio libro, quello che conservo da sempre fra le mie cose più care: è un libro di fiabe illustrato da Paul Durand, una vecchissima edizione di Mondadori editore con copertina rigida, datata pensa un po' 1973, io avevo solo quattro anni. Dunque ne avevi una anche tu?

      Elimina
    2. Se vuoi, puoi contattarmi anche tu in privato: marinagua@yahoo.it

      Elimina
  3. Ok ti scriverò via mail... grazie!!!

    RispondiElimina
  4. porti sempre con te un taccuino per gli appunti....
    come il Ten. Colombo?
    mi ha fatto piacere conoscere il tuo blog, spero che verrai a visitare il mio...
    un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio, sì indago le ragioni della mia passione per la scrittura! :)

      Abbiamo bisogno tutti di serenità e il tuo "angolo" mi sembra un buon posto dove trovarla! ;)

      Elimina