Fermare i pensieri in corsa, quando attraversano il nostro cervello; fissarli perché non si confondano nel caos di immagini quotidianamente registrate e di sensazioni assorbite mentre parliamo, osserviamo, percepiamo odori, ascoltiamo, mentre, cioè, i nostri sensi lavorano e noi inconsciamente li assecondiamo. Ecco, è questo ciò che faccio io portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

mercoledì 9 agosto 2017

AperiLiebster Award

                                       

 Ho una postazione esclusiva, quest’anno: il nostro ombrellone è in pole position. Stare nella prima fila significa che posso godermi sdraiata lo spettacolo del mare direttamente, senza guardarlo attraverso gli ombrelloni piazzati davanti a me. Un privilegio guadagnato solo perché arranco con le stampelle e al piede ho un gambale di plastica rinforzato, con il quale posso anche pensare di imbarcarmi su un astronave. 
I bambini che si dirigono verso la battigia vanno dai genitori a raccontare di avere visto una marziana spiaggiata su una sdraio, con il costume a righe e lo stivale di Iron man. Mi diverte vederli correre, rallentare quando mi passano accanto, guardare il mio arto armato con la loro meravigliosa curiosità, poi scappare.
Assisto a una sfilata di persone di ogni età che esibiscono tatuaggi da brivido. Cerco di capire che forma abbiano: sembrano macchie più che disegni significativi. Le macchie tatuate passano inosservate, la mia gamba inscatolata, invece, no. 
Mi illanguidisco guardando il mare e il mare mi restituisce il favore brillando di un colore speciale sotto questo sole di agosto. Sembra dedicare solo a me il suo sorriso più bello: ci amiamo da lontano, ma fa lo stesso, l’importante è che io possa stare in sua compagnia per qualche giorno.
E al tramonto, una gradita sorpresa: un aperitivo che gusto puntando la boa che non posso raggiungere a nuoto, come ogni estate. E mentre i miei si godono il bagno anche per me, io approfitto per rispondere alle domande di Luz e Cristina, che qualche settimana fa mi hanno nominato per il Liebster Award. Grata del pensiero, sfrutto l’occasione e bevo pensando di essere in loro compagnia.

Le domande di Luana

1) Il primissimo libro che hai ricevuto in dono.
Mi ricordo solo che si chiamava Josephine (regalo di una mia compagna di classe per la Prima Comunione), che era grande e aveva una copertina rigida verde.

2) Come ti immagini da vecchia?  
Mi basta guardarmi allo specchio e potenziare le rughe che già ho. 😋

3) C'è un viaggio in luoghi remoti che vorresti fare prima o poi?
No. Non ho l’animo della viaggiatrice. Cioè, mi affascinano i luoghi che non conosco, ma mi bastano i racconti di chi li ha visitati.
A dirla tutta, fosse per me, vivrei in un posto di mare con una casa a due passi dalla spiaggia. Sarei felice di godermi albe e tramonti da un terrazzino e lunghe nuotate.

4) Hai mai scritto un libro?
La mia unica produzione letteraria, pubblicata, è il romanzo “31 dicembre”, scritto anni fa.

5) Hai mai scritto una poesia?
No, non mi sono mai cimentata. Sarei scarsissima. A me piace dilungarmi, sono descrittiva, ho bisogno di raccontare. 

6) Tre aggettivi che riguardano i tuoi pregi. 
Paziente, mite, socievole.

7) Tre aggettivi che riguardano i tuoi difetti.
Orgogliosa, musona (ma non è l’aggettivo giusto: intendo dire che se mi arrabbio, smaltisco lentamente, tengo il muso a lungo, ecco in che senso), pignola (anche troppo)

8) In quale epoca storica del passato ti vedresti assai bene?
Vorrei essere una delle “fanciulle in fiore” dell’epoca di Proust. 😊

9) Pianifichi tutto prima di un viaggio o inventi là per là?
Pianifico tutto. Carta e penna in mano (sempre), almeno una settimana prima della partenza comincio a stilare elenchi di ciò che serve e che non deve mancare in valigia.

10) Se tu fossi un personaggio della letteratura, saresti...
Non so se vedermi come Jo March, il “maschiaccio” ribelle di “Piccole donne”, forte nel temperamento e con il sogno di diventare scrittrice (forse più in gioventù) o come Kitty di “Anna Karenina”, affabile e innamorata di Levin (vista la mia passione per questo meraviglioso personaggio.)

11) Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo post? :-)
L’ho scritto in due tempi, ma direi che messi insieme ho accumulato un’oretta e mezza, anche perché ho risposto anche a Cristina.

A proposito, ecco le sue domande: 

1) Ti fa più paura l'imprevisto o la routine quotidiana?
L’imprevisto. La routine è senz’altro più comoda.

2) A scuola qual era la materia in cui andavi meglio e quella in cui andavi  peggio?
Italiano e matematica (i due opposti, infatti)

3) Qual è il difetto e la virtù che senti di possedere da sempre?
Questa domanda si abbina a quella di Luana, dove ho specificato i miei tre pregi a fronte dei miei tre difetti. Aggiungo che sono testarda, cosa che vedo più come un difetto e so ascoltare le persone, che, invece, considero una virtù di cui vado fiera. So essere una buona amica.

4) Qual è il difetto che non sopporti nel prossimo, e la virtù che ami trovare 
nelle persone?
La superbia, anche l’ipocrisia, ah, e l’invidia. Ci sarebbero anche l’ingratitudine e la maleducazione. I difetti sono sempre tanti. Virtù una sola: la sincerità.

5) Che cosa ti fa stare veramente male e che cosa ti trasmette pura gioia?
Mi fa stare veramente male la violenza, di qualunque natura, esercitata sui bambini. Mi dà pura gioia una persona anziana che sa ancora ridere di cuore.

6) Secondo te esiste l'amicizia tra artisti, a qualsiasi categoria appartengano?
Sì, perché no? Poi, sai, l’invidia può essere dappertutto.

7) Ti è mai capitato di avere un déjà vu, ovvero la sensazione di essere già stata in un determinato luogo?
Un mare di volte.

8) Esiste la magia?
Lo capisco solo guardando negli occhi le persone.  

9)  Preferisci i film in bianco e nero oppure a colori?
 A colori

10) Che cosa ti trasmette la lettura di un bel libro?
Il desiderio di rimanere il più a lungo possibile dentro quella storia  

11) Qual è l'espressione artistica superiore a tutte le altre? 
L’arte non può essere classificata se non in base ai gusti personali. Per esempio, nella mia vita, la musica ha sempre avuto un ruolo fondamentale.

Si è appena avvicinato un bambino, anche lui mi ha fatto una domanda. Vuole sapere cos’è quel coso lì: mi inventerò una storia bellissima per lui. Mentre finisco di sorseggiare il mio aperitivo.


30 commenti:

  1. In ogni caso carissima Marina, sei al mare. Sì, lo so non è la stessa cosa, ma insomma è andata così.
    Ho letto con piacere le tue risposte, ti auguro un ottimo proseguimento di questo mese.
    Un abbraccio
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Sandra, un relax anomalo, ma certo ci voleva per tutti. 😌

      Elimina
  2. Mi dispiace per il tuo piede, comunque buone vacanze!😘 Anch'io vorrei diventare Jo March, è un personaggio letterario che ho sempre adorato! Ciao!👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa, hai visto che bel regalo mi sono fatta e ho fatto alla mia famiglia quest'estate?
      Buone vacanze anche a te.🤗

      Elimina
  3. Oh, hai visto, alla fine sei riuscita ad andare al mare, anche se "infortunata".
    Però a una domanda hai risposto in modo inesatto: dici di aver scritto un solo libro. E i racconti che avevi pubblicato sul blog? Messi insieme non formerebbero un secondo libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La raccolta di racconti, sì! Hai ragione, Ariano, ma non li ho presi in considerazione perché li sto per così dire ristrutturando: un restyling che ho ritenuto necessario per alcuni racconti.

      Elimina
  4. Sei stata bravissima a ricreare l'ambiente-mare, al punto che un po' mi sono ritrovata anch'io sulla spiaggia. Grazie di avere risposto alle domande di Luana e alle mie, ne esce il ritratto di una bella persona. Buona prosecuzione di mare e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, è superfluo sottolineare che mi sono divertita a rispondere alle vostre domande. E mentre sorseggiavo la bevanda vi ho pensato sul serio, eh! 😉

      Elimina
  5. L'importante è che al mare ci sei comunque e non importa come, anche se particolarmente piacere farebbe vedere questo straordinario stivale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che volevo postare una mia foto con il super accessorio, solo che la scarsa connessione non mi ha permesso di caricarla?
      Ma non lo escludo, ancora. Anch'io voglio mostrarvi quale supplizio sia per me portare sto cosone al piede! 😄

      Elimina
  6. Adesso comincio a capire... In realtà è stato tutto uno stratagemma per ottenere la prima fila in spiaggia! :-D
    Dicci la verità! Di notte ti fai di quelle grandi nuotata al chiaro di luna...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e ieri la luna era pure piena: ci è mancato poco che mi trasformassi in un mostro marino. 😄

      Elimina
  7. Evviva! Ci sei riuscita lo stesso ad andare al mare! Ne sono felice per te!
    Adesso riposati e soprattutto... goditi il momento da "prima pagina" come le dive di Hollywood. ahhahhaha
    Buona guargione, buon relax e buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E oggi, finalmente, tira un po' d'aria. 🤗

      Elimina
    2. Anhe qui! Anzi, stamattina perchè dovevamo per forza uscire mio marito ed io i siamo presi un acquazzone del diavolo... sto struzzo! Ci siamo bagnati come pulcini ahhahahahah

      Elimina
    3. Sai come si dice dalle mie parti?
      Tanto siccu tanto saccu. 😃

      Elimina
  8. Come sono contenta di saperti finalmente in un luogo diverso da casa. A piccoli passi arrivi a tornare indipendente e intera, godendo ancora di più di entrambe le gambe. Buon sole e buon mare, e complimenti per il doppio premio e per le risposte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia, anche se, purtroppo, l'uso di entrambe le gambe è ancora lontano. Ma io sono modesta e me ne faccio bastare una. 😋

      Elimina
  9. Ci potrebbe quindi capitare di ritrovarci o vicini di casa a un passo dalla spiaggia (concordo, come credo tu sappia, con la seconda parte della tua risposta Luz-3) o nello stesso albergo di Balbec viaggiando con la macchina del tempo (anch'io ho scelto la stessa epoca).
    Buon proseguimento di vacanza :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ancora curiosare fra le tue risposte, però non sarebbe male un soggiorno a Balbec con incontro a sorpresa. 😃

      Elimina
  10. Sono felice che tu sia al mare, Marina. Anche con lo scarpone puoi godere del panorama e della brezza serale. Levin di Anna Karenina lo adoro anch'io. Buon proseguimento ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi, comunque, posso toglierlo in qualunque momento, lo scarpone, e la brezza serale diventa ancora più godibile.
      Levin resta il mio personaggio preferito in letteratura. Felice di avere trovato un'altra estimatrice.

      Elimina
  11. Al prossimo che te lo chiede, digli che "quel coso lì" è un pezzo della nuova armatura leggera di Iron Man e che lo stai collaudando. E che stai anche aspettando che arrivino, in volo automatico, gli altri pezzi ma c'è qualche problema col localizzatore satellitare. Vedrai che i bambini non ti si scollano più per tutto il giorno!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, gli ho detto qualcosa di simile: che la mia navicella spaziale era atterrata sulla terra per fare rifornimento di energia e io stavo approfittando per ricaricare sotto il sole le batterie del mio piede supersonico: "con questo coso qui faccio un salto altissimo e raggiungo l'astronave in un secondo"..
      Mi è sembrato poco convinto, però. 😄

      Elimina
  12. assapori altri aspetti delle vacanze...l'importante è assaporarli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero. 🙂
      Bello il tuo nuovo sito. 🤗

      Elimina
  13. Mi fa piacere che le circostanze non siano poi così sfavorevoli da renderti impossibili le vacanze. C'è proprio bisogno di staccare un po' dal quotidiano, magari senza zampone... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tutore è ingombrante, pesante ed esteticamente inguardabile, però ha il vantaggio di poter essere tolto in qualunque momento e in spiaggia io me ne libero stravolentieri.
      Così stacco dal quotidiano e anche da questa schiavitù.
      Buon ferragosto!

      Elimina
  14. Buon Ferragosto Marina 🙂 È bello sapere che alla fine sei riuscita ad andare in vacanza. Ti lascio un abbraccio sotto l'ombrellone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono ritagliata una fetta di relax, nonostante tutto.
      Baci anche a te, Iara. 😘

      Elimina