Fermo i pensieri in corsa, quando attraversano il mio cervello; li fisso perché non si confondano nel caos di immagini che quotidianamente registro e di sensazioni che assorbo mentre parlo, osservo, percepisco odori, ascolto, mentre, cioè, i miei sensi lavorano e io li assecondo inconsciamente. È questo ciò che faccio portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

domenica 29 maggio 2016

LA NOSTRA LIBRERIA chiede, il TACCUINO DELLO SCRITTORE risponde.


Quale momento di relax migliore di questa pacifica domenica per un ultimissimissimo colpo di coda? (Al penultimissimissimo ho risposto nel blog Giochi di parole... con le parole).

E dunque oggi completo il super giro 2016 del Liebster Award con la gradita nomination dei "fantastici tre": GlòPiGreco e Michele del blog "La nostra libreria".


1) Cosa vorresti simpaticamente "rubare" a la nostra Libreria?
La vostra libreria.

2) Una curiosità che non hai mai osato chiedere a 1 blogger a scelta? 
(ovviamente vogliamo sapere il nome in questione!)
Quali sono le vostre facce, Glò, PiGreco, Michele, Ariano Geta, Patricia Moll, Obsidian Mirror  e chi più ne ha più ne metta?

3) Una citazione per te significativa tratta da un libro?
"Anche se ero bambina, sapevo bene che quando si sentono più o meno le stesse cose, si comunica meglio col silenzio"
("L'abito di piume" - Banana Yoshimoto)

4) Consigli per gli acquisti: qual è un buon rapporto XXX/prezzo quando fai compere libresche? (specificare l'XXX :P)
L'X factor (così una X l'ho fatta salva!) ma non sono sicura di avere interpretato bene la domanda! 

5) Parliamo dei generi come categorie convenzionali attribuite ai libri: sono un aiuto o una limitazione?
Un aiuto che, nel mio caso, mi  limita nella scelta.

6) Animazione: perché viene molto spesso considerata adatta ad un pubblico molto giovane?
È un pregiudizio: ormai sono più i genitori che vogliono accompagnare i figli al cinema che non questi a volerli con sé.

7) Sulla "solita" isola deserta: 1 libro, 1 disco, 1 cibo e 1 sogno da realizzare a cui non rinunceresti?
Sta isola non è più deserta, siamo in tanti, ormai!
E comunque:
Libro: la Bibbia
Disco: "The Head on the Door" - The Cure - 
Cibo: tavolette di cioccolato fondente
Sogno: un letto!

8) Cosa ti fa venire voglia di lanciare fuori dalla finestra il pc mentre stai navigando?
Il collegamento col wi-fi malfunzionante!

9) "Dura lex sed lex": che cosa ne pensi? Quale valore potrebbe avere la massima di Socrate oggi?
Caspita, qui ci eleviamo di livello!
Ma mi tocca essere seria o posso trovare una battuta?
Il valore che ha: ormai nessuno.
Il valore che potrebbe avere... la risposta seria richiede tempo e presenza per discuterne!

10) Quale superpotere vorresti avere?
L'invisibilità.

11) Cosa vorresti ci fosse scritto sul tuo epitaffio?
La vera vita comincia altrove. Buon viaggio!
(Però, intanto, mi faccio più che posso il pienone di questa!) :)

BUONA DOMENICA!


45 commenti:

  1. Ho letto volentieri la risposta alle domande, mi è piaciuta molto la citazione. La Bibbia in effetti dovrebbe essere "il libro dei libri", come si diceva qualche tempo fa non ho ancora incontrato nessun laico che l'abbia letta tutta. Io risponderò alle domande di La nostra libreria con un post mercoledì. :-)

    Oggi dovevo andare in megagita a Clusone, ma hanno rimandato tutto causa tempo pessimo in Lombardia, sob sob... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempo scimunito anche qui a Roma! (Intanto mi si è sporcata la macchina con la pioggia!)

      Neanche qualche cattolico, se è per questo trovi che l'abbia letta tutta! :)

      Elimina
    2. Io conosco solo atei che l'abbiano letta tutta. I cattolici non la leggono perché... probabilmente non sono particolarmente interessati :-P

      Elimina
    3. Se la gustano lungo tutto l'arco della loro vita! :D

      Elimina
  2. La Bibbia. Io ci ho provato, davvero, ci ho provato. Con quella classica, con la versione protestante. Sono partita dall’inizio, poi ho ritentato da metà, a un certo punto mi sono buttata sull'Apocalisse sperando che mi avrebbe incuriosita di più e sono andata avanti per un po' ma... niente, mi sono bloccata di nuovo. Per farla breve, ho letto solo il Vangelo di Luca e quello di Giovanni. Ops.
    Tu l’hai letta tutta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Bibbia non si può leggere come un libro qualunque: aprì la prima pagina e via, fino all'ultima.
      Si gusta a piccole dosi, si va avanti e indietro, si leggono brani.
      Infatti no, non l'ho letta tutta o almeno non nell'ordine classico e ci sono dei libri che ho sempre saltato, tipo "i Numeri" del Pentateuco.

      Elimina
  3. Scherzando e ridendo hai detto cose che confortano l'opinione che mi sono fatto di te.. Super Marina.

    RispondiElimina
  4. Ehm... Bellissime le tue risposte Marina; vorrei solo farti notare che il 2016 è appena iniziato e non si sa mai chi potrebbe nominarti domani. :-D :-P ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il periodo Liebster Award è trascorso, fiuuu!
      Mi sono divertita, sono lusingata, ma è arrivato il momento di chiudere la parentesi (almeno fino all'anno prossimo! :P )

      Elimina
  5. La curiosità che non hai mai osato chiedere, almeno per quanto mi riguarda, la puoi soddisfare abbastanza facilmente. La mia faccia è infatti apparsa un anno fa sul blog di Nick Parisi... qui
    P.S.: Non avrei mai detto che ascoltassi i Cure... io però sull'isola deserta mi porterei "Concert"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Obsidian! Sono andata subito a curiosare e sono felice di avere visto anche i volti di altri "latitanti"!
      Sai, sono curiosità sciocche, ma preferisco sempre conoscere chi sta dietro le nostre amabili chiacchiere!

      Uh, stupendo Concert, hai ragione!
      I Cure rappresentano la pare musicale della mia vita cui tengo di più, amo Robert Smith e l'album che ho citato è stato quello che me li ha fatti scoprire ai tempi dell'università.
      Ho tutti i vinili a casa che custodisco come cimeli di valore inestimabile!
      Non sapevi del mio animo dark? :)

      Elimina
    2. Non sono assolutamente cose sciocche... noi tutti abbiamo bisogno di un viso con il quale interloquire.

      Elimina
    3. Si, colpa mia. Ho svelato io il volto di quel darkone di TOM. ;)

      Elimina
    4. Ciao Nick, con questa scusa ho fatto un mezzo pieno di volti che mi incuriosivano, compreso il tuo! ;)

      Elimina
  6. Sul serio la Bibbia? Per me sarebbe o io o "essa". Tutti e due insieme nello stesso posto non se ne parla proprio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Postillo che La Bibbia è comunque presente nella mia biblioteca, sia nella versione cattolica che protestante. Sarebbe la sua presenza in solitaria a inquietarmi :P

      Elimina
    2. Non proverebbe mica a farti fuori! :P
      Ti capisco: non è un testo facile e, per certi aspetti, è persino inquietante (la lettura della Bibbia era stata addirittura proibita ai cristiani fino alla metà del settecento).
      Tuttavia, come dicevo a Monica, non è un libro che metti in valigia quando sei in viaggio o che tieni sul comodino. È un libro da ispirazione del momento, da voglia di riflessione o di preghiera.
      In un'isola deserta sarebbe un ottimo compagno di meditazione.
      Poi, non si sa mai, quanto ci devi stare,in quest'isola: un romanzo te lo liquidi in pochi giorni, questo dura una vita! :)

      Elimina
    3. Non è tanto la Bibbia in sé a sconvolgermi, quanto il peso di tutto ciò che vi è stato costruito sopra e attorno in 2000 anni di storia. Il fantasma di venti secoli mi seguirebbe e mi perseguiterebbe a vita sull'isola deserta.
      D'altronde, avendo io messo in valigia "Alla ricerca del tempo perduto", non corro nessun rischio di rimanere in pochi giorni senza letture o cose su cui riflettere o meditare.

      Elimina
    4. Tanto per essere precisi... gli avvenimenti descritti dalla Bibbia risalgono a circa 3500 anni fa, Mosè e tutto il resto di Israele, dobbiamo tenere presente che all'inizio si racconta di uomini che vanno ancora più indietro nel tempo. Quindi il peso da sostenere aumenta considerevolmente, naturalmente se parliamo di documenti scritti (rotoli del mar morto) ad oggi non possiamo andare indietro oltre il I o II secolo A.C. Detto ciò, va ricordato che tantissime opere si rifanno al testo sacro; Uno dei più famosi dell'eta moderna è Il Signore degli anelli. Se poi buttiamo il nostro vigile sguardo indietro di qualche secolo... troveremo Moby Dick, Il Paradiso perduto di Milton, naturalmente la Divina commedia e tanti altri ancora. Decisamente consiglio di leggere la Bibbia non solo per pregare, diventare monaci o quello che vi pare, ma anche per il vostro lavoro di scrittori. Un consiglio, attualizzate il racconto, non leggetelo solamente come qualcosa che viene dal passato ma mettetevi nelle condizioni di renderlo vivo e presente, difficile ma non impossibile... vi assicuro che avrete un'altra visione del testo.

      P.S. per Marina

      Concordo, I Numeri sono un macigno poco digeribile ma alla fine si riesce anche in questa difficile impresa ;)

      Elimina
    5. @Giuseppe In fondo è uno stimolo divertente: provare ad attualizzare i racconti della Bibbia. Per ogni situazione della vita trovi, per esempio, un Salmo adatto. Tengo la Bibbia sul comodino solo perché ogni giorno ne leggo uno.

      I Numeri, avevo cominciato a leggerli, poi ho mollato.
      Vediamo se nell'isola deserta...

      Elimina
  7. Cara Marina, grazie per averci dedicato un intero post!!! ^_^
    Inizio subito col dire che... la mia libreria nuooooo! :O Non si tocca!!! XD
    Per la mia facciotta, bellissima ovviamente, puoi curiosare in Fb: la vedrai all'età di circa due anni XD Quella è la sola prova che io sia un umana, in rete XD
    Mi hai citato Banana e mi son commossa *_* ma lo sai che ho letto quasi tutto di lei (fino al 2000 circa :D poi ho smesso, anche se vorrei riprendere con le ultime cose scritte)?
    La domanda n° 4 è volutamente criptica, puoi immaginare chi l'abbia esplicitata o.O
    Su generi e animazione, sono concorde con te! Invece per l'"isola", come avrai letto poco sopra, il mio entusiasmo va a Concert dei The Cure (è uno dei miei cd più usurati)... e comunque: <3
    Grazie di cuore per tutto, un abbraccio! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mannaggia: un'umana* e asina! D'oh

      Elimina
    2. Eh già.. come fai a portarti un disco dei Cure che non includa "Charlotte Sometimes"... ??

      Elimina
    3. Stupenda, anzi mi avete fatto venire la voglia di un ascolto serale! :)

      Elimina
    4. Glò, pensa che proprio su Fb ho pensato sulle prime che tu fossi quella signora con gli occhialoni del profilo, che invece è?

      La 4: subito, subito ho pensato a PiGreco. È una domanda sua, vero? :)

      Anch'io è da un po' che non leggo Banana, aveva cominciato a deludermi. Chissà che evoluzione ha avuto!

      Una bella domenica insieme, grazie a voi! :)

      Elimina
    5. La cosa più bella è che chi sbaglia una virgola si corregge subito con un nuovo commento che mi porta a rileggere quello "incriminato" per andare a verificare l'errore. Ahaha
      (Non mi accorgo di nulla e poi, dai, il refusometro qui è disattivato :D

      Elimina
    6. A me quella foto che usa Glò su FB sembra tanto Oscar Wilde.... Qui da me Charlotte sta già risuonando.

      Elimina
    7. Allora :D La signora è Virginia Woolf un po' rivisitata... da me XD Chic come non mai! Mi piace moltissimo, ho letto quasi tutto quel che ha scritto *_*
      Il brano citato da TOM fa venire voglia anche a me di un riascolto serale ^_^ evvai, tutti in dark!
      Per la "4 e PG": può essere XD (Sììììì!)

      Relativamente a Banana... mi incuriosisce la tetralogia "Il Regno", in parte già pubblicata, ci penso ancora un po' ;)
      Buona serata ^_^

      Elimina
    8. E TOM, hai ragione!!! In quella foto Virginia assomiglia a Oscar XD

      Elimina
    9. Ah, Wirginia Wolf! ho beccato su google anche la foto originale :)
      In effetti anche Oscar Wilde ci stava! devi provare a mettere gli occhialoni anche a lui! :D

      Elimina
  8. Ehm... a proposito della Bibbia, posso includere un paio di link intriganti, così per mischiare un po' le carte in tavola? Vi avviso, provengono da un autore che, personalmente, non reputo eccelso ma i brani (brevi) valgono la pena di essere letti (ho detto "letti": non è necessario essere d'accordo con quanto scritto... :-D ).

    http://tredbooksblog.tredplanet.net/2011/05/i-segreti-della-bibbia.html

    http://tredbooksblog.tredplanet.net/2010/06/traduzioni-sbagliate.html

    P.S.: il blog indicato è mio personale e raccoglie brani che mi colpiscono nelle mie letture: ma il fatto che mi colpiscano non significa che li ritenga attendibili. A volte mi possono colpire per la loro "insensatezza". Siccome non voglio influenzare eventuali lettori con miei commenti, non mi prendo mai la briga di dire il motivo per cui accolgo i brani in tale blog. Trovo utile che, ad ogni brano, ognuno si faccia la propria genuina idea...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Bibbia per sua natura si presta a qualunque interpretazione, trasposizione, traduzione, soprattutto il Vecchio Testamento.
      Produzioni letterarie e cinematografiche ci sono andati a nozze, Dan Brown ne ha fatto la sua fortuna.
      Del resto è il libro più universalmente conosciuto, c'è materiale per saghe intere di letteratura e cinematografia.

      Elimina
  9. Anch'io non ho letto la Bibbia ma pensavo di comprare l'ebook, brava Marina altre belle risposte. Citando M. posso dirti che sei super "coccardata" :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Giulia, se posso: la Bibbia in versione ebook non se pò sentì! :D

      Elimina
  10. Guarda che bella fotina ti mostro :D

    http://i.imgur.com/tJsMoJ2.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! Molto lieta di conosc... vederti, Michele! :)

      Elimina
  11. La Bibbia?
    Non se se hai visto che tempo fa, dopo il successo della serie tv, in libreria era uscito il romanzo della Bibbia.
    Ma il romanzo della Bibbia E' LA BIBBIA!
    Roba da matti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il termine "romanzo" ha un richiamo più accattivante. Una strategia per vendere la Bibbia, considerata solo un testo sacro per credenti.

      Elimina
    2. Allora forse i ragazzi del marketing potrebbe studiarsi qualcosa coi titoli, che so:
      - Harry Potter e la Bibbia filosofale
      - Hunger Bibbias
      - 50 sfumature di Bibbia

      Elimina
    3. Ma pensa: le 50 sfumature... si sono elevate!
      :D :D :D

      Elimina