Fermo i pensieri in corsa, quando attraversano il mio cervello; li fisso perché non si confondano nel caos di immagini che quotidianamente registro e di sensazioni che assorbo mentre parlo, osservo, percepisco odori, ascolto, mentre, cioè, i miei sensi lavorano e io li assecondo inconsciamente. È questo ciò che faccio portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

giovedì 7 luglio 2016

Un giovedì di luglio a Ostia

Cchiu scuru di mezzannotti un pò ffari
Ora, lo so che esagero con il sottolineare spesso che sono siciliana, quando mi esprimo usando formule dialettali, quando commento con espressioni del linguaggio parlato, quando sfido le persone volenterose (e simpatiche) ad andare a cercare il significato di termini e di certi modi di dire siculi, ma... ma credetemi, non posso, non posso ancora una volta non gridare a gran voce che SONO SICILIANA in un'occasione in cui tutto, dico tutto, mi fa sentire fortunata di esserlo.
E dunque, cosa ci fa una siciliana abituata all'azzurro cristallino del suo mare, alla sabbia caraibica di certe spiagge, in un posto come questo?

Luogo d'accomodo per passare qualche ora sotto il sole, ma giammai per fare un bagno in mare.
Non  metterò mai un dito dentro quest'acqua:



Già mi fa impressione vedermi i piedi impanati con la sabbia nera come la pece.

Devo essere matta se ho avuto la felice idea, questa mattina, di portare i miei figli a Ostia.
Non ero nemmeno tanto disperata da volere fuggire da casa: si stava benissimo, ho un bel balcone che non è come la veranda della precedente abitazione, ma è grande ed è molto ventilato (quarto piano, come quando vivevo a Caltanissetta). Poi, presa dal desiderio di non fare annoiare i ragazzi e anche con il segreto intento di prendere un po' di colore per potere sfoggiare una gonna senza sembrare una mozzarella vestita, ho preso tre teli e una crema solare e ho detto: "via, ragazzi, si va al mare!"
Il posto più vicino è il Lido di Ostia, da dove stiamo noi sono ventotto chilometri, che, considerato semafori e quel po' di traffico fisiologico che rallenta la corsa in Via Cristoforo Colombo, vuol dire un'oretta di strada. Si può fare. Io, poi, sono intrichina e con l'auto trovo sempre scorciatoie e strade alternative: Appia Nuova, Appia Pignatelli, Via delle sette croci e arrivo all'EUR. Da lì a raggiungere Ostia si fa in un attimo. 
Alle 10,30 eravamo qua.

Il relax sotto l'ombrellone d'accordo, ma il sole? il caldo? Quelli sono uguali dappertutto e il desiderio di buttarsi in acqua è una prerogativa dell'essere umano che suda sotto l'ombrellone. Ma non di un siciliano. Credetemi: il siciliano d.o.c. preferisce sciogliersi come un gelato sotto i trenta gradi di mezzogiorno piuttosto che mettere un piede nel mare di Ostia. Già il suo colore è un ibrido fra il verde militare e il verde petrolio, la battigia nero ratto non predispone e c'è una striscia di bollicine che scoraggia qualunque tentativo di bagnarsi. 

Opto per una doccia, un bicchiere di acqua fresca al bar e una comodissima sedia con vista ombrelloni, postazione ideale per concedermi una pausa i-pad.


Oh, una deliziosa pagina in casa Scarparo che rimanda a due ancora più deliziosi interventi tutti da gustare: incipit, explicit, si sorride con gli arguti decaloghi di Giulio Mozzi.

(Intanto, sotto questo sole cocente, un gruppo di ragazzi gioca in un campetto di bitume polverizzato: no, è sempre la stessa sabbia della stessa spiaggia!)


Di fronte a me una coppia di giovani: lei molto corpulenta, lui secco come una sarda, involontariamente ascolto la loro discussione sull'opportunità di piantarsi o meno sotto il sole a quest'ora.
Converrebbe di no: lei si mimetizza con il colore della sabbia, ma lui è un lenzuolo appena candeggiato. Che poi dico, questo è uno scherzo del destino? Davvero l'emblema di come gli opposti si attraggano così tanto!

Qui all'ombra si sta benissimo, non mi muovo nemmeno se la parte frivola di me mi urla nell'orecchio sinistro che non esiste l'abbronzatura miracolosa, che la si guadagna soffrendo sotto il sole.
Chissenefrega! - le risponde a tono la parte di me che si autoconserva.
Ma a fine mese hai un matrimonio, almeno un po' di colore!
CHISSENEFREGA!
Sono una siciliana esigente, non so accontentarmi. Viziata dal mio mare e dalle mie spiagge, una vacanza in un posto del genere mi ucciderebbe! Abituata a vedere su cosa cammino quando entro in acqua, assuefatta al piacere del ghirigoro disegnato con il dito su una superficie sabbiosa che riflette la luce del sole anziché assorbirla, ma come potrei trascorrere le mie vacanze nel mare del Lazio?
Per questo io e mio marito, qualche settimana fa, ci siamo guardati negli occhi e abbiamo preso la decisione definitiva, in barba ai piani originari e ai desideri dei nostri figli, che, invece, volevano rimanere in zona: a fine mese si monta in macchina e giù, si torna nella nostra bella Sicilia.
Con questo pensiero che mi solletica e l'odore della mia isola nel naso, scotòlo i granelli neri asciutti dal mio piede e do un'ultima occhiata all'onda verdognola che si lascia ingoiare dalla battigia. A quest'ora del pomeriggio l'inclinazione del sole la rende ancora più scura. 


Senza battere ciglio, raccolgo baracca e burattini e me ne torno in città.

Per il momento il bianco inverno sul mio corpo resta una bellissima eccezione da sfoggiare in estate!



52 commenti:

  1. Non ho capito perché il post è ermetico al riguardo: ma il bagno qualcuno lo fa o no in codesto lido?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ma certo! Ed erano in tanti! Il problema me lo sono posto io. Ci ho provato: sono arrivata a bagnarmi i piedi, poi non ce l'ho fatta!
      I miei figli, per esempio, si sono divertiti. In fondo l'ho fatto per loro, dunque almeno l'obiettivo è stato raggiunto! :)

      Elimina
  2. Spietata, giustamente spietata. Purtroppo non posso vantare un mare migliore di quello laziale, la mia amata liguria ha perso da molto tempo il fascino che fior di poeti hanno celebrato.
    Imperdonabile, assolutamente imperdonabile, dopo un mese di latitanza ho mancato di esordire con un doveroso saluto, tocco di cappello e altrettanto opportuno inchino. Signora... i miei rispetti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Max, sei tornato richiamato dal mare di Ostia! Che andare a Ostia, oggi, sia servito anche a questo mi fa molto molto piacere. :P

      Qualche anno fa ho fatto le vacanze a Capo Mele. Okay, il mare era pulitissimo, non posso negarlo, ma io sono fissata con i colori e ricordo bocciai anche quelli! Caso irrecuperabile, lo so!
      E poi, accidenti! Un Lido appresso all'altro, tutti assiepati con 50 cm di distanza fra un ombrellone e un altro. Se c'è una cosa che io adoro è la spiaggia al calar del sole, il mare caldo delle prime ore della sera. Lì, alle 18,00, dovevi smammare, causa chiusura Lidi.
      Per carità!

      Scusa, anch'io mi sono fatta prendere dal discorso e non ti ho chiesto come procedono le cose con l'anello al dito! ;)

      Elimina
    2. A Levante (ligure eh) il fascino rimane, anche se c'è un turismo di massa insostenibile per il territorio -_-
      (Toccata e fuga, ma ripasso con calma ^^)

      Elimina
    3. Cara Marina, procede procede, è stato solo il giusto riconoscimento legale a colei che era già la Signora della mia vita. Stop, fine, basta con la vita da ragazzaccio. Non che basti un timbro sulla carta, è vero, ma quantomeno ho voluto ufficializzare un desiderio di "ritrovata famiglia" che sentivo prepotente. Alla mia età, ridicolo vero? Uno sposino con barbetta bianca... puah!!!

      Elimina
    4. Glò, hahahahaha la liguria non è un paese per turisti: https://youtu.be/8U8k-dd1UrI

      Elimina
    5. Oh no ^_^
      https://www.youtube.com/watch?v=_AlDQQ0S_Mc

      (Marina, scusaci, stiamo spammando come dei liguri ^_^)

      Elimina
    6. Risposta seria: ridicolo Max? Non direi proprio. Che ci si sposa solo a trent'anni? È molto bello il tuo desiderio di ritrovata famiglia. Niente, sei diventato un uomo saggio e te ne devi fare una ragione! :D

      Elimina
    7. Risposta divertita:
      @Max e @Glò, mi sveglio presto la mattina e già rido! Ma cosa penseranno i vicini?
      Ahahah,
      Ahahah
      Ahahah!
      E sono le sette!

      Elimina
  3. Come ti capisco... Il verde acqua mi è fin troppo familiare. Io, per il momento, mi accontento :-( però, il mio piccolino è felicissimo dei momenti al mare e questo mi basta. Spero, di riuscire a regalarci un mare più limpido il mese prossimo. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove andrai in vacanza?

      Però tu, ora che ci penso, sei a due passi da Sabaudia, o no?
      Lì il mare è molto molto meglio. Sabaudia e tutta quella zona: ci sono stata e il paragone con Ostia non regge!

      Elimina
    2. Non è lontanissima. Ma con il traffico di questo periodo ci vogliono un paio d'ore e non ho tutto questo tempo, neanche nel fine settimana. Niente... devo aspettare e pazientare ancora.

      Elimina
  4. Si fa presto a dire mare. Parrebbe tutto uguale, ma non è. Ci vorrebbe un incipit, tipo:
    «Tutte le spiagge belle si somigliano, ma ogni spiaggia brutta è brutta a modo suo». :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm, per la mia esperienza è proprio il contrario, tutte le spiagge brutte si somigliano ma ogni spiaggia bella è bella a modo suo (chissà se Tolstoj sarebbe d'accordo)

      Elimina
  5. Strategia di incipit n. 9: vacanze classiche. :D

    RispondiElimina
  6. Perché la sabbia è nera? 0.o
    La costa toscana è bella lunghetta. Argentario e Costa degli Etruschi hanno sabbie non troppo scure e acque trasparenti, tanto che a Torre Mozza si vedono i resti dell'antica Aurelia. Non è Sicilia (beeella!), ma non è niente male. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono un sacco di posti belli in Italia, figurati se non è così.
      Ma OSTIA no. Anche a Catania, ci sono spiagge con la sabbia nera, ma almeno pensi al fascino dell'Etna e giustifichi il fenomeno naturale, qui, hai detto bene, è nera perché?

      Elimina
    2. è nera perchè di origine vulcanica, se arrivi a roma dall'aereo puoi notare come i laghi sono vecchi crateri vulcanici.
      In realtà a Ostia mi fa più impressione la sabbia gialla che è riportata (perchè ai turisti quella nera piace poco) e mi da la sensiazione di qualcosa di innaturale ;)

      Elimina
    3. Ah, ecco! L'unico pensiero che ho avuto è l'origine vulcanica, visto che il colore della sabbia mi ricorda quello delle spiagge di San Giovanni li cuti a Catania, però non sapevo a quale vulcano aggrapparmi.

      Elimina
    4. In Italia abbiamo talmente tanti vulcani che non sappiamo neanche più dove sono :D

      Elimina
  7. Per carità! Io ci sono stata forse in tutto tre volte in passato pur avendocelo a pochi chilometri e l'ho trovato insopportabile, per tutti i motivi per hai detto tu. Anche io poi vengo da lidi che non tutt'altra cosa, con la sabbia chiara e il mare limpido, ma sempre nel Lazio, quindi la costa laziale NON è tutta così!!
    Però riconosco che la Sicilia è bellissima, mi è rimasto particolarmente impresso il colore del mare, un vero incanto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu vieni da un posto in cui il mare è tutt'altra cosa!
      Conosco poco la costa laziale, però sono stata a Sabaudia e già cambia molto, mi dicono anche che il Circeo, tutto, è bello e sono sicura che sia così (anche perché ci vuole veramente poco a essere migliori di Ostia!) :P

      Elimina
  8. Nel mezzo del cammin di nostra gita, mi ritrovai per una spiaggia oscura... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che la diretta via m'era sgradita.

      Ahi questa plaga non è certo pura
      con gente selvaggia, e le gattemorte!,
      che nel pensier rinova la paura.

      Elimina
    2. :) :)
      E gira vota e firrìa, ma cu mu fici fari ammia?

      Elimina
    3. Ne più mai toccherò le sacre sponde (di Ostia) ove il mio piede riluttante giacque... :-)

      Elimina
    4. E qua occorre interpellare il buon Michele per una degna continuazione! :)

      Elimina
    5. Né più mai toccherò le sacre sponde
      ove il mio piede riluttante giacque
      Ostia mia, te che sporchi l'onde
      del bieco mar cui dai nera pece

      e cenere, e fai quelle suole immonde
      con lo primo passo, per quanto reflue
      versar acque di tubi o strofinar fronde;
      un inclito post di colei che l'acque

      immortalò fatali sia il ferale piglio
      per cui la bella fama si fé sventura
      e cessò d'attrar, la pietraia ostiense.

      Elimina
    6. Spettacolo! Sapevo che non mi avresti deluso! ;)

      Elimina
  9. Cara Marina ti capisco benissimo, anch'io pugliese se metto a confronto il mare della Puglia con quello della riviera divento perplessa anche se confesso che a me la riviera romagnola mi piace molto (mi piace la bassa marea e fare lunghe passeggiate con l'acqua a mezza gamba e poi adoro le piadine) Del mare della Sicilia conosco solo le Eolie e Lampedusa, anche quelle vicino Catania Aci Trezza, però in Italia si può trovare un mare bellissimo anche più vicino Roma, per esempio in Toscana. Però una sicula abituata al suo mare capisco benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Puglia è bellissima, hai ragione. Come dicevo poco sopra, il mare in Italia si trova, ma chi è nata in un'isola difficilmente riuscirebbe ad amare un mare diverso da quello della propria terra. Aggiungo che è proprio una mia fissazione il colore dell'acqua e devo dire che anche in Sicilia ho i miei luoghi preferiti, perché anche lì il mare non è bello dappertutto.

      Elimina
    2. oddio ho scritto "a me mi" !!! errore involontario :-O l'ho visto adesso leggendo la tua risposta!

      Elimina
    3. Nooo, Giulia, ma questo è inaccettabile! :P

      Sappi che per il 99% dei casi, io non mi accorgo mai di nulla!
      (Che non è il massimo per chi ha un beta-readeraggio in corso!) :D

      Elimina
  10. Devo dire che mi hai fatto apprezzare ancor di più la sguazzata fatta ieri nel mio bel lago, con i pesci persici di fianco. Non è la barriera corallina, certo, ma in questi giorni ci si sta divinamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello! L'esperienza lago fatta due volte: una anni fa a Strasburgo, ne ho un bel ricordo. Una qui a Castel Gandolfo : ho provato a bagnarmi nel Lago Albano. Lasciamo stare...
      Però mi affascina: dalle tue parti dev'essere piacevole, ne sono socura! :)

      Elimina
  11. Da Caltanissetta qual è il litorale che preferite?

    Beh se il tuo riferimento è Scala dei Turchi (ecco cercate su google) 10 a 0 con tutte le altre coste italiane. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considera che essendo al centro della Sicilia, potevamo muoverci in ogni direzione. Io ho trascorso la mia infanzia tra Cefalù e Sant'Ambrogio (conosci?), ma sono ormai quasi dieci anni che non ci facciamo mancare la puntata a San Vito Lo Capo, Riserva dello Zimgaro, Marzamemi, Siracusa. Posti unici.
      Da fidanzata, in moto e un asciugamano in uno zaino, raggiungevano la Scala dei Turchi in un'oretta scarsa. Bellissima!

      Elimina
    2. Ho sempre pensato che voi al centro della Sicilia avete una posizione privilegiata.
      Sì i posti da te indicati sono i più belli. C'è anche la spiaggia di Calamosche a Vendicari.
      Sono stato anche dalle parti di Rosolini con delle cale a strapiombo sul mare che custodiscono spiaggette d'incanto. Anche dalle parti di Ragusa ci sono posti incantevoli. Mentre sconosco quasi del tutto la parte di Trapani, distanza proibitiva per noi.
      Peccato per i petrolchimici assassini che hanno deturpato parte delle coste.

      Elimina
    3. Cala mosche stupenda, come San Lorenzo che cito sempre.
      Il mare più bello in assoluto, però, è proprio nel trapanese. Devi andarci!
      E ora, sì, la nota dolente: da CL il posto di mare più vicino è Marina di Butera. Stendo un velo pietoso: con il petrolchimico di Gela a due passi, l'acqua è solo una puzzolente macchia d'olio.

      Elimina
  12. Da mezzo siculo alla sabbia nera ci sono abbastanza abituato, però sul mare hai ragione :P
    comunque per conoscere bene la fauna ostiense questo video è un must ;) :
    https://youtu.be/kV8FlC8q5Vc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, bellissimo il video, Grilloz!
      E ho rischiato di ustionarmi i piedi con la sabbia che bruciava. :D

      Elimina
  13. Prima o poi ci devo proprio andare in Sicilia, è uno dei luoghi della mia lista dei viaggi da fare. ^_^

    Ma a Ostia ci sarà ancora quel muro che impediva la vista del mare (se non a pagamento)? E di un mare verde petrolio, oltretutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seminato di lidi, alcuni però hanno la piscina. E te credo, mica fessi!

      Vieni, vieni in Sicilia e non solo per il mare. Ci sono dei posti bellissimi da visitare e pieni di storia.

      Elimina
    2. Infatti ci verrei soprattutto per la storia. :-) Pensa che in un ufficio di rappresentanza di attrezzature minerarie dove avevo lavorato (tantissimi anni fa) avevo un capo di origine siciliana, di antico lignaggio tra l'altro: un personaggio da romanzo pure lui.

      Poi la Sicilia l'ho studiata un po' per i romanzi della saga crociata.

      Elimina
    3. Uno fra tutti: sarebbe bello rivisitare la storia dei Beati Paoli, la confraternita che si riuniva incappucciata nei cunicoli del quartiere del Capo a Palermo. Quando ho letto il libro ero una liceale e ricordo che ne rimasi molto impressionata.

      Elimina
  14. Io me li ricordo all'epoca dello sceneggiato La baronessa di Carini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Baronessa di Carini, già, lo sceneggiato che non mi ha fatto dormire per tutta la mia infanzia con quella mano insanguinata stampata sul muro e quella musica in sottofondo che non ho mai più dimenticato!

      Elimina
  15. ...perchè non hai visto l'alto Adriatico, nella zona tra il veneziano ed il polesine (in sostanza nei dintorni di quella discarica a cielo aperto che è Marghera). Altro che sabbia nera e acqua scura. Lì la spiaggia è ricoperta di alghe, un'insalata putrida e maleodorante. I comuni più intelligenti investono in pulizia, gli altri fanno spallucce. Un mare cristallino si comincia a vederlo al Conero, non prima.
    Per fortuna abbiamo piscine termali ad ogni angolo nell'entroterra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, però! Le piscine termali me gustano mucho.
      Il sud avrà pure le sue indubbie pecche, ma coste e mare sono un nostro vanto assoluto.

      Elimina
  16. Mi hai ricordato me quando sono andata sulla costa romagnola, a nuotare nelle alghe, costretta a camminare fino in Croazia per avere l'acqua almeno all'altezza delle spalle: anche io, lì, non ho fatto il bagno nemmeno una volta! :-D

    Anche noi liguri abbiamo un mare bellissimo. E io evito come la peste le spiagge in città, pensate solo per i turisti. Preferisco farmi una decina di chilometri per arrivare a Bussana, una frazione di Sanremo appena fuori città, dove ci sono delle spiagge secondo me molto belle, con acqua pulita e mare aperto, frequentate più da persone di Sanremo che da turisti. La cosa che odio di più al mare? I frangiflutti. Non portatemi mai in una spiaggia così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei occhi si accendono solo quando vedono un mare con acqua cristallina e spiagge di sabbia bianchissima. Ho visto posti del genere in Sicilia, in Sardegna, in Grecia, in Puglia e chissà quante altre località vantano queste caratteristiche. Non conosco molto il,mare del nord Italia, ma se mi dici che ci sono posti molto belli, non ho motivo di non crederci, anzi mi piacerebbe vederli.
      Certo, vedere quel mare di Rimini o Riccione ed esaltarsi per le sue spiagge superaffollate mi fa venire i brividi!

      Elimina