Fermare i pensieri in corsa, quando attraversano il nostro cervello; fissarli perché non si confondano nel caos di immagini quotidianamente registrate e di sensazioni assorbite mentre parliamo, osserviamo, percepiamo odori, ascoltiamo, mentre, cioè, i nostri sensi lavorano e noi inconsciamente li assecondiamo. Ecco, è questo ciò che faccio io portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

giovedì 5 novembre 2015

Sono una frana! (promettente blogger confessa)


followers nel blog te li devi guadagnare e devi sudare sette camicie per riuscirci. Vuoi crescere e vorresti anche fare crescere il numero di persone che viene a perdere i suoi dieci minuti di tempo entrando nel tuo spazio, dunque ci tieni a fare bella figura, a non proporre post banali o che lo sono ma con qualche pretesa, come quella di coinvolgere i lettori in discussioni talvolta futili ancorché colloquiali, che sollevino un po' dalla troppa serietà circolante nei big-blog e intrattenere (abbiamo bisogno anche di questo, no?) 
Ebbene, nonostante i miei buoni propositi e l'impegno profuso nella missione di rendere il mio spazio virtuale un posto confortevole, dove ritornare con piacere a fare due chiacchiere, ho analizzato a fondo la mia posizione di "promettente blogger" e ho trovato delle pecche cui dovrò pur rimediare, prima o poi, anche se su certe cose ho decisamente scarsi margini di miglioramento.

Consapevole di non rendere a me stessa un buon servigio, adesso metterò a nudo quei limiti che riescono ancora a mettermi a disagio.

Cominciamo dalla mia beata CONFUSIONE MENTALE.
Che fine stanno facendo i neuroni del mio cervello?
Nuoto da quindici anni, ormai! Potrei partire da Civitavecchia e arrivare in Sicilia a suon di bracciate (si fa per dire), però il mio cervello è da strizzare! 
Quando sono scesa in pista nella blogosfera, confondevo Anima di carta con Appunti a margine e non c'era verso di capire le appartenenze al primo o al secondo blog, con la scoraggiante conseguenza di chiamare Chiara di Appunti a margine Maria Teresa di Anima di carta (il tempo di approfondire la conoscenza e ho superato il problema, per fortuna!)
Una volta ho insignito di un premio il blog Scrivere per caso chiamandolo da dove sto scrivendo e da ultimo ho chiamato una talentuosa blogger Cristina; peccato che il suo vero nome sia Simona

ZERO MEMORIA
Un'appendice del punto precedente: la mia memoria fa acqua da tutte le parti. 
Non so fare citazioni, perché non memorizzo parole, versi, aforismi. Figurarsi, poi, l'imbarazzo per una "scrittrice" nel non riuscire a rammentare il titolo degli ultimi libri letti o dei loro autori e ritrovarsi a dire "beh, sì, ecco, come disse ehm...". Poi è tutto un tripudio di: "qual era il nome del bellissimo libro di... come si chiama... con quel protagonista, dai, quello che..." 
Ma come può una blogger fare esempi pratici per sostenere le proprie tesi quando sa che, pur esistendo il modo di dare fondatezza a ciò che sta dicendo, si perderà nei meandri della  memoria arrugginita? 
Se non fosse perché l'idea mi è piaciuta, direi che ho sfruttato l'articolo con il meme di Ivano Landi sull'autobibliografia per fare un po' di ripasso (con una fatica enorme per recuperare i ricordi di letture stra-datate).

ZERO TAGLIATO IN COMPETENZE TECNOLOGICHE 
Non parliamo di quando devo intervenire nel mio blog sul piano strutturale. Ho scelto la piattaforma di "blogger" perché è semplice e intuitiva e, in effetti, grazie a una procedura super guidata, mi sono presto ritrovata con una pagina impostata nel modo in cui la volevo io. Okay, ma non chiedetemi di fare operazioni extra: per uno strano fastidioso virus ho scomodato il mondo intero (salvo poi benedire l'intervento di San Michele Scarparo che con un "ehi, ma è semplice: vai qui e qui, elimina questo e quello", nel tempo di un click, ha risolto il problema). E dove la mettiamo tutta quella manfrina sui cookies e la relativa informativa che ha messo a dura prova la mia proverbiale pazienza?

AUTOPLAGIO
Negli ultimi tempi ho letto post che hanno trattato il tema "plagio nella blogosfera", ora denunciando blogger copioni che firmavano articoli già scritti da altri, ora suggerendo il modo di farlo bene per avere fortuna. 
Ecco, io propongo una variante interessante: l'autoplagio.
Dimentico i post che pubblico e mi ritrovo animata a scrivere un articolo sentitissimo che poi scopro avere già trattato in altri momenti e con altre parole (a testimonianza che di un argomento potrebbero esistere infinite versioni, se solo volessimo occuparcene)
Mi è capitato con il post sull'evoluzione della mia scrittura, già descritta con le stesse foto in un altro articolo, poi naturalmente cancellato.

IMPERDONABILI DISTRAZIONI
Sappiamo tutti quanto siano importanti i commenti per noi: sono linfa vitale per un blog, perché se lo scopo è fare comunità chiacchierando, rinunciare ad averne o non cercarli è partire con il piede sbagliato. All'intervento di qualcuno, educazione e cordialità vogliono che si risponda e se sono avventori occasionali o passeggeri che si imbarcano per la prima volta sulla nostra nave il saluto di benvenuto è d'obbligo (se non altro per mettere subito a proprio agio l'ospite). Ebbene, una volta per caso, ma molto per caso, ho trovato un commento vecchio di mesi ancorato in una di quelle pagine situate in alto; era su "scrivo perché": la gentile Elica Otto aveva lasciato un messaggio il 25 aprile, io me ne sono accorta e le ho risposto... l'8 giugno. 

MA DICO, se non so nemmeno destreggiarmi in casa mia, ma 'ndo vado? Sono proprio fuori dai giochi!

Non aggiungo altro, anche perché con queste "ammissioni di colpa" ho una bella zappa piantata sui piedi che mi toccherà rimuovere durante tutto il fine settimana!

(Non mi prendo mai troppo sul serio, non fatelo nemmeno voi!)

67 commenti:

  1. We are only humans. Anch'io mi chiedo come fanno quelli che hanno sempre tutto preciso, vestiti in ordine, barba fatta, macchina lavata, e hanno trovato il tempo di andare a vedere dieci film, leggere venti libri e aggiornare duecento volte facebook, twitter, instagram, google+ e portare a spasso il cane...
    Riguardo la confusione, beh, io avevo confuso il blogger Marco Stabile con Marco Lazzara... :-(
    P.S.: se parti a nuoto da Civitavecchia fammelo sapere, è la città in cui vivo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vestiti --> i jeans sono sempre perfetti anche quando sono sgualciti
      Barba --> ormai la tengo semilunga da anni
      Macchina lavata --> non ho la macchina
      Film --> Passo a quando le bimbe saranno garandi :D
      Cane --> non ho il cane
      Social --> lo faccio per lavoro

      Facile, no? :-D

      Elimina
    2. Assolutamente humans! :)

      Abiti a Civitavecchia? Praticamente stai dietro l'angolo! Ti faccio un fischio, se passo da quelle parti!
      E fallo anche tu quando vieni a Roma! :)

      Elimina
    3. @Andrea non vale, quella di cui fai parte non è la tribù descritta da Ariano :)

      Elimina
    4. @ Maria, tu hai capito tutto della vita! :)

      Elimina
    5. Nella sua non fanno sacrifici umani?

      Elimina
  2. Come ti sei dipinta male :)
    Se ti può consolare, io pure ne ho combinate di cotte e di crude. La verità è che si fa quel che si può. Per gestire tutte le attività in rete dovremmo avere una serie di cloni a disposizione. E' impossibile per esempio ricordarsi di tutti quelli che circolano nei nostri blog o che ne hanno uno, sapessi quante gaffe ho fatto io nel tempo.
    Ogni tanto poi mi sfugge un commento da me (mi è capitato proprio di recente) e non so se perché non mi è arrivata la notifica o se l'ho cancellata per sbaglio io stessa...
    Per non parlare di quando sono convinta di aver commentato un post su un blog e poi mi rendo conto che ho solo "pensato" di farlo.
    Insomma, non sei una frana, o se lo sei siamo in due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu te lo ricordi, vero, quando ti ho chiamato Chiara e tu con il garbo che ti caratterizza mi hai detto "veramente io sarei M. Teresa"? :)
      Me lo chiedo sempre: come fate voi dalle centinaia di contatti a tenere i conti sempre in ordine? Meno male che qualcosa sfugge anche al tuo controllo: questo "mezzo gaudio" condiviso mi rallegra! :)

      Elimina
    2. ahahha sì, me lo ricordo! Mi ricordo pure che una volta io ho sbagliato a scrivere il tuo cognome e quando me ne sono accorta volevo sprofondare :(
      Conti in ordine?! Io no di sicuro!

      Elimina
    3. In compenso io una volta ho linkato il blog Anima di Carta della blogger Anna Maria Steri. (Ricordi, M.T.?)
      Quindi siamo tutti sulla stessa barca.

      Elimina
    4. Meraviglioso mal comune! :D

      Elimina
    5. Ah ma allora ce l'avete tutti con me! Sì, ricordo Ivano :)

      Elimina
    6. A proposito, Marina, grazie del link :))

      Elimina
    7. Ma di nulla, Ivano. Facciamo rete! ;)

      Elimina
  3. Tutti peccati veniali... piuttosto: quando riscrivi i post, sei sempre d'accordo con te stessa? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci provo, ma se non mi concentro rischio di far parlare tutte le Marine che convivono dentro me! (E non sai il casino!)

      Elimina
  4. Non fare più certi errori. Se a letto con Michele poi lo chiami Helgaldo, prima o poi sospetterà di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è problema: russo abbastanza forte da non sentire se mi chiamano :)

      Elimina
    2. Ma hai anche le calze ai piedi e la papalina in testa per il freddo della notte? No, sai com'è, certe cose bisogna saperle per tempo! :P

      Elimina
    3. No, solitamente dormo (quasi) nudo. #sallo

      Elimina
  5. Il rischio di ripetermi è sempre dietro l'angolo!
    Credevo che sospendere gli aggiornamenti fissi avrebbe potuto agevolarmi, invece mi ha creato complicazioni organizzative inimmaginabili, al punto che ho trovato un'altra soluzione, di cui vi parlerò.
    E anche a me capita di perdere di vista qualche commento, specialmente se riguarda post-più vecchi. Mi è successo per esempio con un commento di Cristina Cavaliere, pubblicato nel momento stesso in cui avevo messo on-line un altro post. Quando sono arrivati i follower, il suo post si è confuso nella mischia e l'ho visto dopo settimane! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vorrebbe un segretario che tenga la contabilità: hai due commenti in sospeso del vecchio post e dieci che ti aspettano nel nuovo; mi raccomando, ricordati di lasciare il tuo nel post di Tizio, Caio e Sempronio, ecc... :)
      Che poi, dico... ma che saranno mai qualche dimenticanza e poche distrazioni!

      Elimina
  6. Visto che suggerisci di non prenderti troppo sul serio, ti ricordo che in queste circostanze il doping non è vietato ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo provando a disintossicarmi, ma evidentemente... :)

      Elimina
    2. Consiglio la visione di Paura e delirio a Las Vegas!

      Elimina
    3. Preso nota, chissà che non sia la reale soluzione ai miei problemi! :P

      Elimina
  7. Quanto mi riconosco in tutto ciò che scrivi! Anch'io a livello tecnologico sono una frana (in caso contrario avrei studiato ingegneria informatica, non archeologia preistorica!) e uso blogger perché la trovo la piattaforma di più semplice gestione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi, io sono una che smanetta e non si arrende all'evidenza, ma di fronte a certe incompetenze i miei limiti diventano montagne insormontabili! (Meno male che in casa rimedio sempre qualcuno in grado di risolvere molti dei problemi che spesso ho con il pc).

      Elimina
  8. Io non chiamo mai le persone per nome proprio per evitare gaffe. La mia memoria è più labile di quella di una centenaria con l'Alzherimer. Le citazioni colte le lasco agli specialisti, al limite formo il mio parere su quello che ho imparato nella scuola e nella vita, oltre che sui blog come il tuo.
    Del resto il tuo è un blog piacevole che seguo molto volentieri, forse proprio perché non ha la pretesa di insegnare niente a nessuno, e insegna più di quanto tu stessa possa immaginare.
    Per cui va bene così, certo si può sempre migliorare, ma non ti tediare troppo: ognuno di noi è unico e irripetibile anche nei propri limiti. E ben che sia così. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Okay, è ufficiale: io ADORO questa donna!
      Grazie! ;)

      Elimina
  9. Io sto dietro ai commenti, anche quelli dei post vecchi, solo perché ho impostato la notifica via mail quindi credo di aver risposto a tutti i commenti, forse... Se mi è arrivata la notifica. Poi anch'io uso blogger perché è abbastanza semplice da usare, ma spesso mi incasino lo stesso. Quindi come vedi sei in buona compagnia! Fondamentale: non prendersi troppo sul serio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giulia, devi sapere che io riesco a incasinare anche le cose più semplici (perché poi, dico sempre, mi convinco che sia divertente trovare una soluzione) e allora su google io ho due account; ho due mail collegate ai due account e anch'io avevo previsto la ricezione delle notifiche. Solo che mi arrivano nella mail che non apro mai, che poi è quella collegata al blog. Insomma... io per monitorare commenti e altro uso la bacheca di blogger con le relative statistiche, ma non è uno strumento ideale!

      Elimina
    2. Sai che puoi leggere ambedue le caselle da un unico account?

      Elimina
    3. Okay, urge supplemento di spiegazione.

      Elimina
    4. Prendi appunti (il mio Gmail è in inglese, se tu lo hai in italiano vai a intuito ;) ):
      - Apri il tuo Gmail secondario (G2), quello che non guardi mai.
      - Pulsante "ingranaggio" (in alto a destra) --> Settings/Impostazioni.
      - Vai alla scheda "Forwarding and POP/IMAP", paragrafo "Forwarding" (forse tradotto come "inoltro/inoltrare"):
      - Seleziona "Add a forwarding access" (aggiungi un indirizzo a cui inoltrare)
      - Inserisci il tuo indirizzo eMail principale G1 (A questo punto probabilmente dovrai confermare l'indirizzo cliccando su un link inviato a G1. Per farlo probabilmente dovrai uscire da G2, entrare in G1, cliccare sul link ricevuto per email, poi tornare in G2)
      - Seleziona "Forward a copy of incoming mail to" (Inoltruna copia delle posta in arrivo a), selezioni il tuo indirizzo email G1 e "delete Gmail's Copy" (elimina la copia di Gmail).
      - Salva
      - Esci
      - Fai una prova
      - Fammi sapere se funziona

      Elimina
    5. Io adoro coloro che commentano i post vecchi, mi sembra il vero segnale di interesse, mi sbaglio?

      Elimina
    6. Se intendi il visitatore che si imbatte in un tuo vecchio post, sì, è sempre bello sapere che qualcuno trova interessante ciò che hai scritto. Il problema, infatti, è del padrone di casa se non se ne accorge! :(

      Elimina
    7. @Andrea, grazie mille, intanto ho salvato le tue istruzioni, proverò a tradurre secondo poca conoscenza e molta logica e ti faccio sapere! :)

      Elimina
    8. @Marina, si hai ragione, deviavo il discorso, il visitatore che scartabella nei vecchi post lo adoro.

      Elimina
  10. Non ti crucciare, I lettori sono in genere molto più distratti di quanto tu creda. Perlomeno io sono così. Potresti scrivere tutto e il contrario di tutto a distanza di pochi giorni e magari non se ne accorgerebbe nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece, io spero sempre di trovare lettori attenti e interessati, anzi no, meglio interessati ma disattenti!
      Bello, chiudere la giornata con un riflesso: anche a me piacciono molto gli specchi!
      Benvenuto Obsidian M.!

      Elimina
    2. In effetti a volte la disattenzione ci fa comodo. Possiamo concederci in questo modo anche qualche bello strafalcione ^_^.

      Elimina
  11. A noi non importa affatto se hai un solo neurone ubriaco che saltella. Sei simpatica, auto-ironica e intelligente. Puoi pure tirarci i pomodori marci, ti teniamo lo stesso. E poi guardando il tuo archivio, qui sulla sinistra, balza all'occhio quanto ti stai impegnando per il blog. L'anno scorso hai postato 10 volte, e quest'anno 100! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa, sei gentile!
      La verità è che metto in campo tutte le mie energie quando voglio ottenere qualcosa. Un po' di buona volontà, un pizzico di strategia, ma soprattutto miro al traguardo: con questi ingredienti sto portando avanti il progetto blog! È un po' quello che volevo dirti ieri a proposito del tuo sfogo sul romanzo: punta dritto all'obiettivo, alti, bassi, confusione, paturnie, ci sta tutto, ma il tuo scopo è portare a termine il libro. Intestardisciti! Sei simpatica, ironica e intelligente anche tu per capire ciò che voglio dire! :)

      Elimina
  12. Non mi pare proprio che tu sia una frana, poi... guarda... quello che conta è lo spirito che ci si mette nell'affrontare le cose. Io poi sono un cialtrone, metto sempre le mani avanti dichiarando l'inutilità dei miei post. E mi becco pure i cazziatoni dei blogger navigati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i tuoi post sono inutili... ritenermi una frana è ben poca cosa!
      Simpaticissimi i cazziatoni degli amici blogger navigati! :)

      Elimina
    2. Guarda, da molti dei vecchi blogger (non di età) ho imparato molto. Per alcuni di loro, tipo Tom o Ivano, potrei anche anche abiurare la mia granitica eterosessualità hahahahaha
      (peccato che non siamo in diretta, mentre scrivevo questa facezia mi sono beccato uno scappellotto da mia moglie e una botta di scemo)

      Elimina
    3. Bello, condividi anche i tuoi commenti con tua moglie?
      Piuttosto, chissà cosa avrebbero da dire a riguardo Tom e Ivano dopo la tua dichiarazione d'intenti! Ahahah

      Elimina
    4. No, io non li condivido, è lei che fa cappuccella e mi spia, per il resto... mi aspetto insulti e improperi da tutti e due.

      Elimina
    5. Massimiliano... sappi che ho messo la spunta sulla casella "Invia notifiche"... Non mi sfugge nulla. Ahahah

      Elimina
    6. Belin, sei tremendo Tom, guarda che non hai nemmeno tu idea di quello che si trova sul TUO blog nei post di anni fa. Roba da leccarsi le dita.

      Elimina
    7. Caspita, devo farci un giro più approfondito, allora!

      Elimina
  13. Marina cosa ti sei fumata? sembra roba buona? a parte le mie stupide battute... non ho nessun blog e quindi non posso dare un giudizio tecnico, ma secondo il mio modesto parere è tutto ok, ancora non è arrivato il momento di chiudere i battenti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, è il doping di Andrea! Ahah
      No, non li chiuderei mai i battenti, Giuseppe, ora che sto sperimentando il piacere di spalancare il portone! :D

      Elimina
  14. Ti conosco da poco, ma a me sei tanto simpatica ^_^

    Torno a leggerti sempre volentieri perché i tuoi articoli sono divertenti e interessanti. Tra l'altro, la perfezione è di una tale noia...! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No,no, hai ragione, niente perfezione Iara! Noiosissima e troppo complicata! ;)

      Elimina
  15. Per dirla terra-terra: ma va' là! :) Se ci mettiamo a fare le pubbliche confessioni non so cosa verrà fuori... e poi non puoi dimenticare più titoli e autori di me! E' semplicemente impossibile. Io dimentico anche i contenuti di film e libri, trattenendo soltanto un'impressione generica, magari anche forte, ma del tutto inutile a scopi di discussione. Va tutto preso con filosofia. Come ha detto qualcuno, il blogging per fortuna non è chirurgia salvavita. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì, questo è certo, ho solo scherzato un po'! so che se aprissimo la maglia: "vizi e virtù" salterebbero fuori più vizi che virtù di tutti noi!
      :)

      Elimina
    2. Io vorrei sottolineare il vantaggio di dimenticare determinate cose hehehe, non necessariamente in senso negativo, anche rileggere cose vecchie come fossero nuove non è male.

      Elimina
    3. Bisognerebbe inaugurare una nuova rubrica nel blog con il revival dei post migliori del passato!

      Elimina