Fermo i pensieri in corsa, quando attraversano il mio cervello; li fisso perché non si confondano nel caos di immagini che quotidianamente registro e di sensazioni che assorbo mentre parlo, osservo, percepisco odori, ascolto, mentre, cioè, i miei sensi lavorano e io li assecondo inconsciamente. È questo ciò che faccio portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

giovedì 12 gennaio 2017

Alla fiera del blog

(filastrocca riassuntiva del thriller paratattico)



Alla fiera del blog, per un anno, un esercizio Helgaldo ideò.
Alla fiera del blog, per un anno, il paratattico thriller creò.

E venne Marina, 
che scrisse una versione 
dell'esercizio che Helgaldo ideò.

Alla fiera del blog, per un anno, un esercizio Helgaldo ideò.

E venne Michele, 
che si unì a Marina,
che continuò a giocare,
nel bel Thriller che Helgaldo inventò.  

Alla fiera del blog, per un anno, un esercizio Helgaldo ideò. 

E venne Iara, 
che vinse un libro, 
che Helgaldo mise in palio,
per tutti i vincitori,
del suo thriller nel blog che creò.

Alla fiera del blog, per un anno, un esercizio Helgaldo ideò.

E venne il sinonimo, 
che soppiantò il grottesco, 
che superò il saggio, 
che venne dopo il glamour, 
oltre l'ipotassi,
negli sviluppi che Helgaldo ideò.

Alla fiera del blog, per un anno, un esercizio Helgaldo ideò.

E venne lo stile,
che chiuse il gioco, 
ereditato da Michele, 
che inventò una gara, 
in cui si dava un voto, 
e c'era un vincitore,
per il thriller che Helgaldo ideò.

Alla fiera del blog, per un anno, a Miscarparo il thriller passò.

E venne il contrario, 
il Risveglio della forza, 
la caccia al libro,
 la storia in sei parole, 
gli effetti speciali,
il gioco delle ombre
 e persino i puffi, 
dentro il thriller che Michele inventò.

Alla fiera del blog, per un anno, a Miscarparo il thriller passò.

E venne Sandra 
e Giulia, Paolo e Isa, 
e vinse Barbara, 
poi anche Marina,
di nuovo Iara,
Darius entrò in gioco, 
il Thriller si fa un giro, 
nella gara che Michele ideò.

Alla fiera del blog, per un anno, a Miscarparo il thriller passò.

E venne l'estate, 
che si mangiò le idee, 
nate da Helgaldo, 
pasciute da Michele, 
spremute le meningi, 
tra lens flare e acusma, 
ma quante se ne inventa, 
 alla fine mollò il thriller, 
non ce la fece più 
dai, Marina, ora pensaci tu.

Alla fiera del blog, per quattro mesi, è nel Taccuino che il gioco arrivò.

E venne Marina, 
che giudicava i brani, 
che ci provò con tutto, 
con scale scendi e sali, 
risate e grattacapi, 
con viaggi immaginari, 
Tiziana, Senna e ratti,
Viola, Glò e Patricia 
e un esercito di matti,
un biglietto di Natale, 
che salutava tutti 
dentro il thriller che un po' si fermò.

Alla fiera del blog, per quattro mesi, è nel Taccuino che il gioco arrivò.

E infine venne il freddo, 
che congelò le idee, 
e Marina disse aiuto 
e adesso che mi invento, 
due anni sono tanti, 
settanta appuntamenti, 
il thriller è resistente, 
il resto molto meno, 
Helgaldo lo ha creato, 
Michele continuato, 
con tutte le sue forze
Marina ci ha provato 
e adesso che si fa, 
con il gioco che è giunto fin qua.

Alla fiera del blog, siamo in saldo, cerchiamo idee, qualcuno ne ha?





30 commenti:

  1. Gi esercizi di stile di Queneau credo siano 99. Noi potremmo anche fermarci qui: 70 sono tanti, è ora che anche il thriller si goda la pensione, se gliela danno...

    Helgaldo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'insostenibile leggerezza del thriller.

      Il suo pregio maggiore, la brevità, sulla lunga distanza diventa il suo peggior difetto perché appiattisce tutto sulla tecnica e gli fa mancare nerbo, anima e respiro. È pur vero che un esercizio da venti righe si fa; uno da venti pagine no.
      Il suo morbido cuore di DAS, così ben preparato da te sulla scorta di Hitchcock fino a renderlo malleabile e duttile e buono per ogni occasione, è davvero difficile da ricreare per provare a spaziare altrove. Posto che ci sia un altrove in cui spaziare.

      Credo che sarà assai complicato da sostituire o rinnovare.

      Elimina
    2. Direi che due anni di contribuzione effettiva soddisfano appieno i requisiti per l'accesso alla pensione anticipata

      Elimina
  2. Il thriller, quante emozioni. Per me, è stato l'inizio di un nuovo modo di usare la scrittura. Se finisce qua, è un pezzettino di cuore che se ne va. Però capisco. Capirei con pacata rassegnazione. Idee dici? Se è volontà di tutti quella di continuare, si può tentare. Il tuo, Marina, resta un gran bel manifesto del paratattico. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Iara. È stato un lungo percorso insieme: io ti ho conosciuto con il thriller. :)

      Elimina
  3. Proporlo così concentrato, ogni settimana, forse ti ha prosciugato un po' le idee. Che poi, se vedi, un'idea già ce l'hai in questo post: una ballata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, all'inizio avevo pensato che fosse il nuovo tema del thriller. Riguardo al problema di trovare un'idea ogni settimana si potrebbe ovviare con una prova al mese. E poi, siamo in tanti a giocare, magari qualche proposta può arrivare anche da noi thrilleristi. :-)

      Elimina
    2. Si era creata come una sorta di abitudine: per questo l'esercizio era settimanale. Però quattro giorni al mese per due anni e mezzo... significa avere fatto del thriller davvero qualunque cosa.
      Io oggi ne ho ricavato una canzoncina, ma il thriller- filastrocca era stato già pensato, a suo tempo. :)

      Elimina
    3. Una proposta, Iara?
      Magari se vi balenano delle idee, si potrebbe pensare a qualche puntata spot, una volta ogni tanto. Resto affezionata al thriller, nonostante tutto.

      Elimina
  4. Confesso che negli ultimi mesi ho faticato a partecipare al thriller che, rispetto a un normale commento, richiede un maggiore impegno. A volte cominciavo a buttare giù qualcosa e poi non riuscivo a completare e quindi finivo solo per leggere gli altri componimenti. Forse ha ragione Helgaldo, se non mandarlo in pensione dargli un'aspettativa o qualche mese sabbatico...oppure diluirlo nel tempo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo, Giulia... Io la tua mancanza, negli ultimi tempi, l'ho avvertita. :)

      Elimina
  5. Eh, il Thriller signora mia non è mica cosa facile.
    Un'idea buttata lì: c'è stato un thriller in rosa, ma ci sono stati un thriller galattico, un thriller storico, un thriller erotico (uhm...si, l'ho scritto io, che scema!), un thriller fantasy (oh, questo a Darius per tusaicosa! :P ), un thriller distopico, un thriller per ragazzi, un thriller fiaba?
    Un thriller a colori e un thriller in bianco e nero?
    Un thriller rewind, tutto all'indietro?
    Un thriller mitologico?
    Un thriller a teatro o in musical?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... Ma cambiamo genere: dopo il Thriller paratattico, è il momento del Fantasy paratattico! :-D

      "Una giovane elfa si trova sperduta per i sentieri della brughiera, intorno a lei una densa coltre di nebbia. Vagando impaurita si imbatte in un villaggio di nani. Rassicurata costeggia i vicoli, entra finalmente in una locanda..."

      Elimina
    2. Galattico sarebbe fantascienza, no? Sì, c'è.
      Erotico: sai che lo avevo messo in lista, ma poi mi sono detta: "tu sei matta"
      Fantasy: ho appena letto sotto che Darius ci ha fatto (appunto) un pensierino.
      La fiaba c'è: una delle prime puntate di Helgaldo.

      Elimina
  6. Sono favorevole all'abbandono delle scene quando si è ancora al top non come certi cantanti da museo che vanno nei centri commerciali- 70 versioni sono tantissime, ci siamo divertiti e abbiamo lavorato un sacco, grazie a te, Hel e Michele io concluderei per non farlo diventare il fantasma di sé. Magari si potrebbe fare un'ultima puntata tipo FESTIVAL ognuno lo declina come gli va, specificando il tema usato. Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Sandra. :)
      Ecco, la tua mi pare una grande proposta. Il festival del thriller.

      LO FACCIAMO? CHE DITE?

      Elimina
    2. Sarebbe un bel modo di salutare il thriller. 🙂

      Elimina
  7. A parte la questione del pensionamento... ma che figata la tua ballata! :D
    Io sono arrivata tardissimo e mi rimetto alle volontà dei veterani ^_^ In effetti le puntate sono complessivamente molte...
    Per eventuale Festivàl (alla Baudo) spero di esserci... (tempo e testa :P) ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Glò, era solo un modo, il mio, per salutare e ringraziare thriller e partecipanti vecchi, nuovi e nuovissimi. ;)

      Non sperare, siici! :P

      Elimina
  8. Complimenti per lo humor, Marina. Bel gioco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non ci hai visto all'opera per le 69 puntate precedenti! ;)

      Elimina
  9. ... eh lo so, sono arrivato tardi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La rassegna delle puntate è a tua disposizione. Magari puoi trovare spunti di vario interesse. ;)

      Elimina
  10. Provvederò a recuperare sicuramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrai farlo oggi stesso, se vuoi. Ti aspetto. :)

      Elimina