giovedì 25 febbraio 2021

Il caffè di Luz e Marina: di scuola e di insegnanti

 Appuntamento mensile con “Il caffè di Luz e Marina.”


Siamo entrati in periodo di Quaresima e io, di solito, cerco di contenere il mio peccato di gola, che normalmente mi induce in tentazione.

Ma non potevo presentarmi a mani vuote al caffè con Luz: una buona chiacchiera fra amiche si fa tra un sorso e un morso, siamo d’accordo tutti, no? È il rituale per un buon momento di relax e anche questo mese, io e Luana non ci siamo fatte mancare l’ora di ricreazione.

Ricreazione, già, come quella che si fa nelle scuole per consumare la merenda a metà mattinata. Non a caso, in questo nostro incontro virtuale abbiamo parlato del difficile mestiere dell’insegnamento e di insegnanti: lei è professoressa di lettere alle medie, io sono mamma di studenti e la scuola, oggi, è quella che è.


Vi invito, come sempre, ad affacciarvi nel blog Io, la letteratura e Chaplin, se avete voglia di condividere con noi le vostre esperienze, un’opinione o semplicemente per assaggiare una delle mie ciambelline con le gocce di cioccolato, preparate per l’occasione, di cui mi appresto a darvi la ricetta, perché se vi piace, vorrete sicuramente provare a prepararla. 


E non guardate la bilancia: la prova costume può ancora aspettare. 


*****


Ingredienti:


2 uova

180 g zucchero

1 bustina di vanillina

125 g burro fuso

100 ml latte

150 g fecola di patate

mezza bustina lievito

280 g farina 00

100 g gocce cioccolato

___________________


  • Montate uova e zucchero, usando le fruste.
Poi la faccio semplice:
  • Aggiungete a uno a uno gli ingredienti seguendo l'ordine dell'elenco
  • Versate su una teglia rivestita  con un foglio di carta forno la quantità di composto corrispondente a un cucchiaio (distanziando le palline che si formano: nella mia teglia 32x24 cm io riesco a formare 3 file da quattro)
  • Forno preriscaldato a 180° per 20 minuti...
... e questo è il risultato:


Al prossimo caffè!


22 commenti:

  1. Le gocce di cioccolato purtroppo devo evitarle. Se ci mettessi dell'uvetta sultanina al loro posto, pensi che ci starebbe bene lo stesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente. Io ho provato con i mirtilli: buonissime, ma nell’impasto base si possono aggiungere pinoli, mandorle, granella di nocciole...

      Elimina
  2. Ma che splendore di dolcetti!
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  3. Ma che buone!!!!
    In quaresima non si mangiano i dolci? Non sono informata su certe tradizioni... ��
    Comunque la prossima volta vai di taralli e focaccine, così non si offende nessuno. ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che sappia fare chissà quante cose! E poi, seguo pedissequamente le ricette di chi è bravo.
      Amo i dolci, ma sono più brava a cucinare il salato.
      La Quaresima, che è il periodo che precede la Pasqua, è un momento di grande riflessione per il Cristiano. Contiene l’invito alla conversione, ma soprattutto le tre pratiche principali: penitenza, digiuno e carità.

      Elimina
  4. Ma come, ciambelle senza il buco?? XD
    Comunque posso solo immaginare la loro squisitezza. Per ora le ho assaggiate solo virtualmente. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, non tutte le ciambelle riescono col buco! 😁
      Quando ci vediamo, le preparo di nuovo e così non dovrai solo immaginarla, la loro squisitezza. 😉

      Elimina
  5. Hanno un aspetto molto invitante, vado a leggere da Luz!

    RispondiElimina
  6. Ho assaggiato metaforicamente le tue ciambelline, slurp slurp, e ho appena lasciato il mio commento anche sul blog di Luz. Ovviamente non potevo esimermi dal commentare l'uscita del professore che relaziona la rivoluzione francese all'esplosione di un vulcano. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sono inventata nulla, Cristina. Il professore di mio figlio è famoso per i suoi aneddoti straordinari. Se ti raccontassi quella del corpo riesumato di Foscolo... ma vabbè, la cosa grave è che lui scherza (o forse no), ma alla fine non spiega nulla di concreto. Meno male che questo è l’ultimo anno di scuola per Edoardo!

      Elimina
    2. Dai, raccontami quella cosa della riesumazione del corpo di Foscolo! :O

      Elimina
    3. Fatto. Ma da te. 😉

      Elimina
  7. Ciambelle, ma senza il buco!
    Vabbè, l'importante è che siano buone...

    Che poi in Quaresima, praticamente, ci stiano da un anno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io sforno ciambelline (senza buco) per tutte le quaresime presenti e, ahimè, future!

      Elimina
    2. L'importante è non sfornare buchi senza ciambelle...

      Elimina
  8. No, no, no, parliamone sulla Quaresima! E' un anno oramai che stiamo già facendo questa specie di Quaresima, questo è stato il primo carnevale che ho mangiato una sola frittella, una!! E pure così così! Quindi, quello lassù mi perdonerà se questa Quaresima, non potendo ancora abbracciare gli amici, almeno almeno mi concedo una ciambellina, un muffin, un pancake, quel che passa il convento purché ci sia cioccolato o zucchero. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la tentazione vince sempre, soprattutto quando c’è di mezzo il cioccolato! Io sono un disastro con i fioretti! 🤦🏻‍♀️

      Elimina